Home > Comunicazioni > IEC 60335-1 Ed. 4.0
 NEWS - 2004

Download

IEC 60335-1 Ed. 4.0

 

IEC 60335-1 Ed. 4.0
Sicurezza degli apparecchi elettrici di uso domestico e similare


La norma tratta le prescrizioni per la sicurezza degli apparecchi elettrici ad uso domestico e similare, con tensione nominale non superiore a 250 Volt, per apparecchi monofase e 480 Volt per gli altri apparecchi.

Recentemente la normativa è stata modificata e resa più esigente per evitare i rischi di incendio e per dare ulteriore garanzia e sicurezza alle apparecchiature elettriche.

Le modifiche riguardano soprattutto le parti in materiale isolante che portano connessioni elettriche con passaggio di corrente >0,2A, ivi compreso le parti a meno di 3mm di distanza dalla connessione.

Il flusso per la valutazione dell'idoneità del materiale e/o pezzo alla IEC 60335-1, è schematizzato in figura.

Paragrafo 30 - Resistenza al calore e al fuoco

  • 30.1 - Resistenza al calore: i pezzi devono essere idonei al test della biglia (IEC 60695-10-2). La prova viene eseguita alla temperatura di 40°C ± 2 al di sopra della temperatura massima rilevata sul pezzo durante il test previsto al punto 11, ma deve essere di almeno 75°C ± 2 per parti esterne e 125°C ± 2 per parti attive.
  • 30.2 - Resistenza al fuoco
    • 30.2.2 - Apparecchiature controllate: la norma prevede che i pezzi siano sottoposti al test del filo incandescente (IEC 60695-2-11) da farsi a 750°C per connessioni con corrente >0,5A e 650°C per altre connessioni.
  • 30.2.3 - Apparecchiature non controllate
    • 30.2.3.1: i pezzi con passaggio di corrente >0,2A devono avere Glow-Wire Flammability Index (indice di infiammabilità) >= 850°C (IEC 60695-2-12).
    • 30.2.3.2: i pezzi che presentano connessioni elettriche, devono sempre essere sottoposti al test del filo incandescente secondo la IEC 60695-2-11, a meno che il materiale sia classificato secondo IEC 60695-2-13 con Glow-Wire Ignition Temperature (temperatura di accensione) di >= 775°C per connessioni con >0,2A e >= 675°C per altre connessioni.

Le prove devono essere fatte su spessore non superiore a quello del pezzo. Il tempo massimo di persistenza della fiamma ammesso durante la prova è di 5 secondi.
Se viene eseguita la prova del filo incandescente sui pezzi, secondo la IEC 60695-2-11, la temperatura deve essere di 750°C per connessioni con corrente >0,2A e 650°C per altre connessioni. Nel caso in cui durante la prova si sviluppa una fiamma per un tempo >2 secondi, deve essere eseguita la prova fiamma con ago ipodermico (Needle Flame Test) per tutti quei pezzi circostanti che si trovano sopra la connessione elettrica all'interno di un ipotetico cilindro verticale, avente diametro di 20mm ed una altezza di 50 mm. Quest'ultimo test non è necessario se tra le connessioni e gli altri pezzi esiste una “protezione” che supera il test dell'ago ipodermico.
Non è necessario fare il test dell'ago per pezzi realizzati con materiale classificato V-0 o V-1 (IEC 60695-11-10) per spessori non superiori a quelli del pezzo.

10 Settembre 2004
Contatto:
email: marketing@it.lati.com
LATI Industria Termoplastici S.p.A.
Via F. Baracca, 7 21040
Vedano Olona (VA) - Italia
Tel. : +390332409111 - Fax: +390332409307


Copyright © 2007 - LATI Industria Termoplastici S.p.A. - Sede legale: via F. Baracca, 7 - I - 21040 VEDANO OLONA (VA)
Codice Fiscale e Registro delle Imprese di Varese 00214880122 - Capitale Sociale € 3.818.400 i.v.
Tel. +39-0332-409111 - Fax +39-0332-409307 - email: info@lati.com - P.IVA IT00214880122