Home > Comunicazioni > Sostituzione dell'ottone con la plastica
 NEWS - 2011




La sostituzione dell'ottone con la plastica nel settore "trasporto acqua potabile": la nostra prossima imminente sfida

La sostituzione dell'ottone dalle applicazioni legate al trasporto di acqua potabile si trasformerà presto in un appuntamento inderogabile.

A partire dal 2013 diventerà infatti obbligatorio il rispetto del limite fissato dall'OMS per il contenuto massimo accettabile di piombo presente nell'acqua potabile, limite fissato in 10 microgrammi al litro.

Alcuni Paesi particolarmente attenti alle tematiche legate alla salute hanno già da tempo messo in vigore questi limiti: la California, per esempio, ha introdotto nel 2010 la regolamentazione AB1953 che fissa proprio questi valori di soglia.

In Italia il valore imposto dalla legge è oggi pari a 25 microgrammi/litro, valore che però non è semplicissimo rispettare. Una delle principali fonti dell'inquinamento da piombo dell'acqua potabile e sanitaria potrebbe essere l'ottone impiegato per la realizzazione di rubinetti, giunti e valvole.

L'ottone infatti contiene percentuali importanti di questo metallo - oltre che di altri, es. antimonio - e arriva a indurre concentrazioni prossime anche a 80-100 microgrammi per litro, es. nel caso di un elemento nuovo. Per tale ragione è fondamentale che si introducano sul mercato materiali alternativi all'ottone con cui realizzare proprio questi manufatti. Purtroppo le alternative non sono molte e soprattutto alcune di queste, come l'acciaio inox, rischiano di risultare più costose rispetto a quanto attualmente impiegato.

A tal fine LATI, da sempre attenta alle tematiche relative alla sostituzione del metallo, propone oggi il LATIGLOSS 66 H2 G/50, un compound strutturale basato su PA66 e rinforzato con fibra di vetro al 50%.

Le caratteristiche meccaniche del LATIGLOSS sono assolutamente rilevanti, come evidenziato nella tabella sotto riportata, anche in condizioni di esposizione continua all'acqua. Per poter sostenere il processo di sostituzione dell'ottone, LATI ha conseguito le approvazioni ufficiali per il contatto con acqua potabile, anche in temperatura, da parte dei più rilevanti istituti internazionali come ACS, KTW, WRAS e NSF.

Il compound offre anche la grande facilità di trasformazione tipica delle materie plastiche, un peso considerevolmente inferiore rispetto ai metalli e un costo competitivo rispetto a qualsiasi metallo.

A tale proposito LATI offre ai propri Clienti non solo la competenza tecnica di un'azienda di riferimento attiva da oltre 65 anni nel settore, ma anche una completa struttura di progettazione, simulazione e calcolo oltre a servizi di assistenza alla trasformazione e all'ottimizzazione del compound.

Per ogni ulteriore informazione o spiegazione, potete contattarci all'indirizzo internet LATI: www.lati.com

11 Novembre 2011

Contatto: email: marketing@it.lati.com
LATI Industria Termoplastici S.p.A.
Via F. Baracca, 7 21040
Vedano Olona (VA) - Italia
Tel. : +390332409111 - Fax: +390332409307

Copyright © 2007 - LATI Industria Termoplastici S.p.A. - Sede legale: via F. Baracca, 7 - I - 21040 VEDANO OLONA (VA)
Codice Fiscale e Registro delle Imprese di Varese 00214880122 - Capitale Sociale € 3.818.400 i.v.
Tel. +39-0332-409111 - Fax +39-0332-409307 - email: info@lati.com - P.IVA IT00214880122