Home > Normative > Idoneità alimentare > Trasporto acqua potabile
 Idoneità al trasporto di acqua potabile

Idoneità al trasporto di acqua potabile

I materiali e oggetti destinati alla conduzione di acqua potabile non rientrano nell'ambito di applicazione della Direttiva Europea al contatto con alimenti né esiste una armonizzazione in tal senso. Di conseguenza ogni Stato membro ha legiferato autonomamente in materia.

In Italia si fa riferimento al Decreto del Ministero della Salute 6 aprile 2004 n. 174, che sostituisce la vecchia Circolare del Ministero della Sanità n. 102 del 2 dicembre 1978, e che prescrive l'utilizzo di tutti i monomeri, le sostanze di partenza, gli additivi e i coloranti previsti dalla legislazione sui materiali ed oggetti in materia plastica destinati ad entrare in contatto con alimenti, di cui al decreto ministeriale 21 marzo 1973 e successivi aggiornamenti, con le condizioni, limitazioni e tolleranze di impiego ivi previste.

Alcune nazioni hanno sviluppato degli standard qualitativi che oggi si vanno sempre più affermando come riferimenti per il settore, quali NSF 61, ACS, WRc, KTW, che rilasciano le loro omologazioni su materiali o oggetti solo dopo severi test da parte di laboratori accreditati e certificati. Anche in questi casi Lati S.p.A. possiede o può sviluppare formulazioni specifiche su richiesta del cliente, fornendo, su richiesta, le opportune certificazioni di conformità.

Copyright © 2007 - LATI Industria Termoplastici S.p.A. - Sede legale: via F. Baracca, 7 - I - 21040 VEDANO OLONA (VA)
Codice Fiscale e Registro delle Imprese di Varese 00214880122 - Capitale Sociale € 3.818.400 i.v.
Tel. +39-0332-409111 - Fax +39-0332-409307 - email: info@lati.com - P.IVA IT00214880122